online le modalità di richiesta

//online le modalità di richiesta

online le modalità di richiesta

Da 07 novembre 2019, le imprese e le reti d’impresa potranno avviare la compilazione della domanda per richiedere il “Voucher per l’Innovation Manager”. Con il decreto del 25 settembre 2019, il Ministero dello Sviluppo Economico ha definito le modalità e i termini per la presentazione delle domande e per l’erogazione dell’agevolazione.

L’agevolazione nasce con l’obiettivo di sostenere i processi di trasformazione tecnologia e digitale delle PMI e delle reti d’impresa presenti su tutto il territorio nazionale e di fatto è concessa per l’acquisto di consulenze specialistiche in materia di processi di trasformazione tecnologica e digitale, nonché di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali.
Non possono accedere alle agevolazioni le imprese che operano nel settore della pesca e dell’acquacoltura e nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli; se tali imprese però svolgono anche altre attività incluse nell’agevolazione, in tal caso è necessario che le stesse dispongano di un adeguato sistema di separazione delle attività o distinzione dei costi.

Le domande devono essere presentate esclusivamente tramite procedura informatica, accessibile nell’apposita sezione “Voucher per consulenza in innovazione” del sito web del Ministero (www.mise.gov.it) e corredate da:
– domanda di agevolazione;
– offerta sottoscritta digitalmente dal manager qualificato ovvero dal legale rappresentante della società di consulenza, riportante gli elementi identificativi della prestazione manageriale, quali tra gli altri, l’oggetto della consulenza, il costo e la durata dell’incarico.

L’iter di presentazione della domanda di agevolazione è articolato in tre fasi:
– verifica preliminare del possesso dei requisiti di accesso alla procedura informatica, a partire dalle ore 10.00 del 31 ottobre 2019;
– compilazione della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 7 novembre 2019 e fino alle ore 17.00 del 26 novembre 2019;
– invio della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 3 dicembre 2019.

La domanda e i relativi allegati devono essere firmati digitalmente dai soggetti indicati dalla procedura informatica e, ai fini del completamento della compilazione della domanda di agevolazione, è richiesto il possesso di una PEC attiva.
Inoltre, per una corretta compilazione della domanda, il soggetto richiedente deve:
– provvedere all’eventuale aggiornamento dei propri dati presso il Registro delle imprese;
– verificare i dati acquisiti in modalità telematica dal Registro delle imprese;
– fornire le eventuali precisazioni richieste dalla procedura informatica.

Ai fini dell’ammissibilità alle agevolazioni, le spese devono:
– essere riferite a un contratto di consulenza specialistica sottoscritto tra le parti successivamente alla data di invio della domanda di agevolazione e, comunque, non oltre 30 giorni dalla pubblicazione sul sito web del Ministero (www.mise.gov.it) del provvedimento cumulativo di concessione delle agevolazioni (il contratto deve avere una durata non inferiore a 9 mesi e non superiore a 15 mesi);
– essere costituite esclusivamente da titoli di spesa emessi sulla base dell’avanzamento delle attività previste nel contratto di consulenza che risultano integralmente pagate entro la data di richiesta di erogazione cui sono riferiti;
– essere relative a prestazioni rese da manager qualificati e società di consulenza indipendenti rispetto al soggetto beneficiario (si considerano indipendenti i manager qualificati e società di consulenza che si trovano in condizioni di terzietà rispetto ai beneficiari tali da garantire l’erogazione del servizio di consulenza specialistica alle normali condizioni di mercato);
– essere riferibili a prestazioni rese nel periodo di svolgimento dell’incarico manageriale, come risultante dal contratto di consulenza, nonché coerenti con le specializzazioni dichiarate dal manager qualificato ai fini dell’iscrizione nell’elenco Mise.

L’erogazione delle agevolazioni avviene in due quote, dietro presentazione della relativa richiesta tramite procedura informatica. La prima, pari al 50% delle agevolazioni concesse, può essere richiesta solo successivamente alla realizzazione di almeno il 25% delle attività previste dal contratto e al pagamento delle relative spese. L’erogazione del saldo può essere richiesta solo successivamente alla conclusione delle attività previste dal contratto e al pagamento delle relative spese, nonché deve intervenire entro 60 giorni dalla data di emissione del titolo di spesa a saldo.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ricevuta la domanda di erogazione, provvede a verificare:
– la regolarità e la completezza delle dichiarazioni rese dal soggetto beneficiario;
– la vigenza e la regolarità contributiva dell’impresa beneficiaria, tramite l’acquisizione d’ufficio del documento unico di regolarità contributiva (DURC).

In caso di esito positivo, il Ministero, entro 90 giorni dalla presentazione della relativa richiesta di erogazione, procede all’erogazione delle agevolazioni spettanti e adotta, per le richieste di erogazione a saldo, il provvedimento di assegnazione definitiva delle agevolazioni.



Fonte

2019-09-27T10:00:16+00:0027 Settembre 2019|